krebsliga_aargaukrebsliga_baselkrebsliga_bernkrebsliga_bern_dekrebsliga_bern_frkrebsliga_freiburgkrebsliga_freiburg_dekrebsliga_freiburg_frkrebsliga_genfkrebsliga_glaruskrebsliga_graubuendenkrebsliga_jurakrebsliga_liechtensteinkrebsliga_neuenburgkrebsliga_ostschweizkrebsliga_schaffhausenkrebsliga_schweiz_dekrebsliga_schweiz_fr_einzeiligkrebsliga_schweiz_frkrebsliga_schweiz_itkrebsliga_solothurnkrebsliga_stgallen_appenzellkrebsliga_tessinkrebsliga_thurgaukrebsliga_waadtkrebsliga_wallis_dekrebsliga_wallis_frkrebsliga_zentralschweizkrebsliga_zuerichkrebsliga_zug
Lega ticinese contro il cancroConsulenza e sostegnoOncologia pediatricaTestimonianzeOncologia pediatrica

Testimonianze

Quando la vita cambia

Nadia

Maggio 2016, la nostra vita cambia radicalmente e ti chiedi "perché ad un bimbo di 5 anni deve essere fatta una diagnosi di tumore?"

Quando alla Lega ticinese contro il cancro é nato il gruppo di genitori Insieme con Coraggio, finalmente ci siamo confrontati con altri genitori sulle nostre esperienze (anche oltre Gottardo), ci siamo supportati a vicenda e abbiamo creato tanti nuovi stupendi progetti a sostegno di altre famiglie che hanno o avranno una diagnosi così nefasta per i loro bimbi.

Noi speriamo che questo li faccia sentire meno soli nell’affrontare questo grande dolore.

 

Sei il mio angelo, la mia mamma, la mia sorella, la mia amica

Sonja, Volontaria

Non me lo aveva mai detto nessuno. Ma lei, sola, fragile, forte e coraggiosa mamma me lo ha detto. Ho vissuto la malattia di un bambino malato di cancro sulla mia pelle e so quanto è difficile.

Quando mi ha detto come mi considerava, sono rimasta senza parole: angelo, mamma, sorella. Mi sono sentita lusingata, non ho fatto altro che regalarle un po’ del mio tempo.
Lei non ha mai cercato compassione, solo compagnia, essere ascoltata mentre la sua vita era stravolta dalla malattia di un figlio con il cancro. Non chiedeva, accoglieva a braccia aperte, sempre con un sorriso di gratitudine, quello che riuscivo a darle. Ha significato molto per lei ma di riflesso anche per me. Ero cosciente che il mio poco, era invece per lei molto.

Abbiamo pianto insieme nelle situazioni più difficili ma anche sorriso in altre. Abbiamo cercato di affrontare il dolore di una malattia così ingiusta con coraggio e abbiamo cercato di rendere le giornate un pochino più leggere, con un pizzico di spensieratezza. Non solo noi due, ma insieme a suo figlio, così piccolo, ingenuo e così tanto coraggioso.

Anche nelle loro interminabili giornate in ospedale la mia visita rendeva la loro giornata un pochino meno pesante. Abbiamo condiviso tanti momenti insieme e, malgrado la situazione fosse tutt’altro che facile, sapevo di portare un raggio di sole nella loro vita così difficile e solitaria.

Anche io non ero sola, il nostro gruppo Insieme con coraggio ha unito le forze ed eravamo in diversi ad essere presenti nella loro vita. È andata bene! Suo figlio è guarito. Certo, la preoccupazione rimane, ci sono i controlli e la mamma cerca di essere forte, come sempre, pensando positivamente. Io ci sono sempre per lei, anche ora che tutto sembra essere tornato come prima. Un angelo, una mamma, una sorella, un’amica, è un ruolo importante che si ha per tutta la vita!

Purtroppo però, non tutte le famiglie che accompagniamo hanno un epilogo positivo. Ma sappiamo che la nostra presenza, se accolta, avrà un significato indelebile per coloro che hanno voluto la nostra presenza.

Sono una volontaria del gruppo Insieme con Coraggio, e con il nostro gruppo genitori condividiamo le nostre esperienze e ci sosteniamo a vicenda. Questo ci dà ulteriore coraggio e motivazione nel sostenere altre famiglie confrontate con un bambino malato di cancro.

Grazie amica cara

Durante le cure di nostra figlia malata di cancro, le emozioni erano di varia natura, soprattutto di paura e smarrimento. Io a volte vivevo veri e propri momenti di "ipnosi" o "blackout", eppure nonostante questo e nonostante siano passati più di 10 anni, voltandoci indietro, ricordiamo piacevolmente la figura di una nostra cara amica.

Veniva a trovarci in camera quando eravamo ricoverati e a casa quando venivamo dimessi. Raccoglieva con discrezione e tanta sensibilità l’esito delle cure, ci ascoltava e in punta di piedi se ne andava.

Più della sua presenza, è rimasto impresso nel nostro cuore il suo modo di avvicinarci. Riusciva sempre a trovare il momento e la maniera giusta ed equilibrata; a volte solo ascoltando, altre pronunciando con tono caldo e speranzoso poche parole di conforto, che facevano bene allo spirito messo a dura prova.

Possiamo dire che lei è stata il nostro “Insieme con coraggio”!